L’impianto fotovoltaico con accumulo è una tecnologia che permette di sfruttare al massimo l’energia prodotta tramite pannelli, immagazzinando potenziale energetico da utilizzare anche in diversi momenti della giornata.

COS’È E COME FUNZIONA?

Un impianto fotovoltaico con accumulo è formato da un insieme di accumulatori (batterie) in grado di stoccare l’energia prodotta che non viene immediatamente consumata. Poiché l’autoconsumo (consumo istantaneo dell'energia prodotta) nelle ore diurne è limitato, il vantaggio dell’accumulo risiede nel fatto che possiamo usufruire dell’energia accumulata nelle ore serali, senza assorbirla dalla rete.

Esistono due diverse tipologie di impianto fotovoltaico con accumulo:

- Inverter con batteria integrata: posti in un’unica scatola, che permette la trasformazione della corrente da continua ad alternata, e una batteria al litio integrata, per consentire che il sistema sia compatto e poco ingombrante;

- Sistema componibile con batterie esterne: l’accumulatore in questo caso è posto all’esterno e collegato ai pannelli solari; permette di scegliere tra differenti tecnologie e modalità di accumulo, per questo offre maggiore flessibilità al cliente.

Un impianto fotovoltaico, di solito, è composto da una serie di pannelli di silicio che trasformano una parte dell'irraggiamento solare in energia elettrica. I pannelli generano corrente elettrica continua che ha bisogno di essere trasformata in corrente alternata da parte di un elemento detto inverter.

Nell'impianto fotovoltaico con accumulo è presente un contatore che misura l'energia prodotta. Quando i pannelli sono in funzione, l'energia può essere utilizzata per l'autoconsumo o per l'immissione in rete.
Quando ci sono elementi o elettrodomestici in funzione, l'energia prodotta tramite impianto fotovoltaico con accumulo viene consumata; mentre quando non c'è bisogno di energia nell'edificio, la stessa viene immessa nella rete. Se i pannelli non producono (ad esempio di notte), le utenze nell'edificio ricevono energia dalla rete quando l’energia accumulata si esaurisce. Lo stesso contatore misura tutta l'energia che viene immessa in rete e tutta quella che viene assorbita dalla rete.

Installare un impianto con accumulo risulta particolarmente vantaggioso se l’utenza è scollegata dalla rete (case isolate in campagna/montagna) o se si vuole diventare completamente indipendenti da essa. In tal caso l’impianto viene definito “stand alone”, oppure “a isola”, ad indicare la mancanza di collegamenti con la rete.

impianto-fotovoltaico-accumulo-inverter

COSTI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO

Per un nucleo familiare fino a 3 persone, l’opzione più indicata potrebbe essere quella di un impianto fotovoltaico con accumulo in grado di generare 3 kW, con un costo medio chiavi in mano da 6.500 a 8.500 euro, a seconda della posizione geografica, dell’esposizione e delle caratteristiche tecniche legate all’installazione.
Per una famiglia di 4 persone, invece, la capacità di un impianto fotovoltaico con accumulo va alzata fino a 6 kW, per un costo che può andare da un minimo di 9.000 euro fino a un massimo di 12.000 euro. Un investimento più rilevante è necessario per una famiglia da 4 a 6 persone, con un fabbisogno energetico fino a 9 kW, per cui sarà indispensabile una spesa da 10 a 18mila euro.
Tuttavia, per installare un impianto fotovoltaico sono previsti degli incentivi.