Colonnine ricarica auto elettriche: 
verso un futuro green

La mobilità elettrica ormai è diventata una realtà. I costruttori di autovetture, stanno investendo risorse ingenti per proporre sul mercato modelli a zero emissioni, con autonomia via via sempre maggiore ed i consumatori stanno rispondendo positivamente. Sulle strade, poi, si stanno moltiplicando le colonnine di ricarica elettrica.

Colonnine ricarica auto elettriche: cosa sono

Con la definizione di colonnina di ricarica auto elettriche vengono definiti tutti quei dispositivi presenti su strada, presso i quali è possibile effettuare il pieno di energia alle batterie della vettura. Tali dispositivi, non hanno una forma standard, inoltre la ricerca, sta studiando anche sistemi ad induzione che consentiranno agli automobilisti di fare a meno del cavo di ricarica, oggi indispensabile.

Colonnine elettriche pubbliche e private: le differenze

Esistono due tipologie di colonnine elettriche: pubbliche e private.

PUBBLICHE: installate da fornitori di energia e gestori di rete, posizionate solitamente nelle strade pubbliche oppure nei parcheggi pubblici situati presso gli aeroporti o le stazioni ferroviarie;

PRIVATE: allacciate alla rete locale e presenti presso le abitazioni, i posteggi dei negozi, dei ristoranti, degli hotel e così via.

Colonnine elettriche: le modalità di ricarica

Al momento la tecnologia prevede quattro differenti modalità di ricarica:

1) Ricarica lenta (6-8 h) a 16 A, (corrente alternata) ammessa solamente in ambiente domestico privato. È possibile utilizzare una semplice presa domestica o una presa industriale fino a 32 A;

2) Ricarica lenta (6-8 h) a 16 A, (corrente alternata) ammessa in ambiente domestico e pubblico. Sul cavo di alimentazione del veicolo è presente un dispositivo denominato Control Box (Sistema di sicurezza PWM) che garantisce la sicurezza delle operazioni durante la ricarica. Le prese utilizzabili sono quelle domestiche o industriali fino a 32 A;

3) Ricarica lenta (6-8 h) a 16 A o mediamente rapida (30 min – 1 h) a 63 A, 400V (Modalità con sistema di sicurezza PWM), ammessa in ambiente domestico e pubblico. La ricarica deve avvenire tramite un apposito sistema di alimentazione dotato di connettori specifici;

4) Ricarica ultra rapida (5-10 min) in corrente continua fino a 200 A, 400 V, ammessa solamente in ambiente pubblico. Con questo sistema è possibile ricaricare i veicoli in alcuni minuti, il caricabatterie è esterno al veicolo

Stazioni ricarica auto elettriche, dove sono e come trovarle

Conoscere in anticipo dove si trovano le colonnine elettriche per la ricarica è un aspetto fondamentale per un corretto utilizzo della vettura. Solo così, infatti, si potrà programmare correttamente un viaggio senza l’ansia di restare a secco di energia.

Per sapere dove sono posizionate le colonnine di ricarica elettrica si potranno consultare sia i numerosi siti web o le app dedicate così da avere sempre a portata di mano ed in tempo reale tutte le informazioni.

Colonnine ricarica auto elettriche autostrada

Come accennato, conoscere in anticipo dove sono posizionate le colonnine elettriche si rivela ad oggi ancora fondamentale per effettuare un viaggio soprattutto sulla rete autostradale.

Al momento lo sviluppo delle colonnine di ricarica sulla rete autostradale sta proseguendo spedito e grazie ad un emendamento alla Legge di Bilancio del 2021 è stato previsto l’obbligo di installazione di colonnine di ricarica veloce ogni 50 Km sulla rete autostradale.

Abbonamento ricarica auto elettrica: i costi

Dire addio al petrolio ed abbattere notevolmente i costi di gestione è uno dei grandi vantaggi delle auto elettriche. La ricarica di energia, però, non è gratuita ma sono previsti dei costi fissi. Se si opta per la ricarica pubblica è necessario sottoscrivere un abbonamento con un costo mensile di 25 euro che garantisce ricariche illimitate, mentre per la ricarica privata si potrà scegliere se sfruttare la rete domestica oppure sottoscrivere un canone di noleggio per un contatore aggiuntivo del costo medio di 60 euro mensili.

Condizioni per ottenere la detrazione fiscale al 110% per le stazioni di ricarica per veicoli elettrici

Tutte le spese sostenute dall'1 luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 possono andare in detrazione nella misura del 110 %, da ripartire in cinque anni.

Queste sono tutte le condizioni da rispettare per poter beneficiare della detrazione fiscale al 110% in 5 quote annuali per l’acquisto ed installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici:
1. le spese per l’acquisto e la posa in opera della stazione di ricarica devono essere sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021;
2. l’installazione della stazione di ricarica deve essere eseguita congiuntamente ad uno degli interventi di cui al comma 1 dell’art. 119 del Decreto Rilancio (DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020 , n. 34. Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19).

Questi interventi sono:

a) interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio;

b) interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo;

c) interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo.

La Corazzari Impianti è in grado di effettuare sia gli interventi inerenti alla fornitura e posa degli impianti per le stazioni di ricarica per veicoli elettrici, sia di tutti quelli previsti dal decreto per il “Superbonus” 110% per efficientamento energetico sopradescritti, potendo fornire ai propri Clienti un servizio completo “chiavi in mano” con “sconto in fattura”.